Vodafone con Amazon

Vodafone è il secondo operatore a dar ufficialmente il via alle fastidiose pratiche delle rimodulazioni. L’operatore rosso segue infatti a ruota la rivale TIM, inserendo in agenda un rincaro di alcune offerte di rete fissa (il gestore italiano, di contro, ha aumentato dal 25 febbraio scorso svariate tariffe ricaricabili per la telefonia mobile). Come recita l’informativa che Vodafone stessa sta inoltrando ai clienti coinvolti, l’esborso necessario per rinnovare alcune promozioni per la telefonia di casa andrà aggravato da una spesa aggiuntiva di 2,99 euro al mese, applicato a partire dalla prima fattura dopo il 7 luglio 2019 (data nella quale si invererà evidentemente la modifica unilaterale del contratto).

La rimodulazione Vodafone ufficializzata in queste ore fa dunque il paio con quella orchestrata dallo stesso gestore appena una manciata di settimane or sono: i più attenti ricorderanno infatti l’introduzione della penale di 0,99 euro da applicare nel caso in cui il credito residuo della SIM mobile non sia bastevole per coprire il rinnovo di una qualsiasi promozione ricaricabile o abbonamento; nel caso di specie, a fronte di un addebito di 0,99 euro (alla prima ricarica utile), il consumatore potrà però beneficiare di chiamate e Internet illimitato per la durata complessiva di 48 ore.

La modifica unilaterale del contratto di telefonia fissa apportata in queste ore da Vodafone assume invece connotati diversi: nessun contraccambio per giustificare il rincaro, bensì una aggiunta di 2,99 euro al mese da sommare al normale prezzo (scontato o di listino) di alcune offerte per la casa. Non abbiamo ancora un elenco ufficiale delle tariffe coinvolte e a tale stregua consigliamo tutti gli utenti Vodafone di consultare le prossime fatture delle proprie promozioni, allorché contenente l’eventuale avviso di rimodulazione apportato dal gestore.

Nel caso di modifica, i clienti coinvolti potranno recedere dal contratto senza penali e costi di disattivazione fino all’ultimo giorno di validità delle precedenti condizioni (in soldoni, 6 luglio 2019). Basterà, a tale stregua, inviare una raccomandata A/R al Servizio Clienti Vodafone con destinazione casella postale 190 10015 Ivrea (TO), oppure scrivere via PEC all’indirizzo disdette@vodafone.pec.it, od in alternativa compilare l’apposito modulo nei Negozi Vodafone o su variazioni.vodafone.it.

Commenti Facebook

Puoi trovarci anche su Facebook con il gruppo Offerte Telefoniche. Iscrivetevi per confrontarvi con il nostro team e con altri utenti e per far crescere la community del risparmio.